m

This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

architettura Tag

ABSTRACT
One of the great challenges of modern architecture is focused on recovering, regenerating and reusing notorious "non-places", an enlightened term coined by great architect Franco Purini and one that is highlighted by his school. The boundless suburbs of reinforced concrete that emerged in the years of post-war reconstruction,

Estratto EdA 2017, VOL.4 n.2_

(Scarica il contributo in pdf)

Nell’interessante dibattito tra forma e funzione degli edifici, il complesso tema della neuroarchitettura si fa spazio aprendo un capitolo tutto nuovo nella storia dell’architettura moderna e sulle teorie di composizione architettonica,modificandone radicalmente il punto di vista ed inserendo la componente scientifica nella materia e nell’arte in genere.

di seguito l'intervista rilasciata alla piattaforma "ProntoPro" sul nostro modo di concepire e interpretare l'architettura. https://www.prontopro.it/blog/lapplicazione-dei-principi-di-bioarchitettura-e-neuroarchitettura/ Costruire casa nel 21° secolo non può prescindere da termini come Architettura sostenibile, Bioarchitettura, Neuroarchitettura, green building. Abbiamo intervistato l’architetto Antonio Di Maro, titolare dello studio di architettura Antonio Di Maro & Partners, che ci ha parlato in modo molto approfondito dei principi cui si ispira lo studio di Architettura Antonio Di Maro.

Nell’arredamento e nell’organizzazione di un piccolo ambiente, tutto è importante. Questo è il principio alla base di quest’articolo, che vi insegnerà come far si che una piccola stanza possa sembrare più grande semplicemente seguendo alcuni trucchi intelligenti. Le piccole stanze possono sembrare scomode e soffocanti. Ma alcuni concetti di design ingannano l'occhio e rendono gli interni molto più spaziosi di quello che sono.

Siamo abituati ad associare alla città di Napoli l’immagine di una città storica, stratificata, fatta di vicoli angusti, scorci inaspettati nonchè dal disordine e dalla pessima qualità architettonica di un’urbanizzazione fuori controllo. In realtà non molti sanno che è proprio in questa città che l'architettura razionale di inizio ‘900 si è espresso in numerose declinazioni che dall’architettura pubblica e di rappresentanza spaziano fino al tema della residenza.

E’ proprio così! Napoli non è solo il famoso “vascio” dell’architettura vernacolare ma è anche casa d’autore. Sulla collina di Posillipo troviamo alcune tra le più belle ed esemplari case del ‘900 razionalista italiano; in esse ritroviamo canoni di armonia tra proporzioni e orografia, dialogo tra materiali diversi, tra il razionalistico intonaco bianco e il tufo e un continuo rapporto con il paesaggio del Golfo di Napoli. L’intera produzione di ville razionaliste posillipine vanta una decina di case d’autore firmate da architetti del calibro di Luigi Cosenza, Carlo Cocchia, Giò Ponti, Michele Capobianco.

Ville Razionaliste

Il razionalismo è una corrente architettonica che per lo più sviluppatasi in Italia negli anni 1920-1930. Vitruvio aveva rivendicato nella sua opera De Architectura che l'architettura è una scienza che può essere compresa razionalmente.  L' Architettura Razionale è prosperata in Italia dal 1920 al 1940. Nel 1926, un gruppo di giovani architetti - Sebastiano Larco , Guido Frette , Carlo Enrico Rava , Adalberto Libera , Luigi Figini, Gino Pollini , e Giuseppe Terragni (1904-1943) hammo fondato il cosiddetto gruppo 7 , pubblicando il loro manifesto nella rivista Rassegna Italiana . Il loro intento dichiarato era quello di segnare una via di mezzo tra la classicità del Novecento Italiano e l'architettura industriale ispirata dal Futurismo.
Il segno distintivo della precedente avanguardia è stata una spinta artificiosa e una vana e distruttrice furia, che mescolava elementi buoni e cattivi: il segno distintivo dei giovani di oggi è un desiderio di lucidità e saggezza ... Questo deve essere chiaro ... non intendiamo rompere con la tradizione ... la nuova architettura, la vera architettura, dovrebbe essere il risultato di una stretta associazione tra la logica e la razionalità.

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi