m

This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

Le bollette a fine mese spesso sono salate. Tra acqua, luce e gas, la vita domestica ha costi onerosi. Eppure c’è un rimedio: investire nel settore delle fonti rinnovabili. A determinate condizioni, una casa può consumare poco e produrre di contro molta energia. Sembra un’utopia, ma è una realtà già avviata, grazie ad un team di giovani ingegneri che ha creduto fermamente nel progetto: l’edificio di vetro e metallo, a Bucarest in Romania, uno dei più efficienti in Europa. L’hanno ribattezzato “Efden” ed è una vera e propria casa, composta da un ampio soggiorno, bagno, cucina e camera da letto dislocati su due piani.

RIMEDI PER PRODURRE ENERGIA. L’ESEMPIO DI EFDEN- I lavori sono durati circa due anni per un importo complessivo di circa 300.000 euro, cifra nella media che diventa però esigua, a fronte delle spese inesistenti. A casa Efden semplicemente non arrivano bollette, perché l’energia viene prodotta in loco. Come? Grazie ad un sistema integrato:  ad esempio i pannelli fotovoltaici sul tetto forniscono elettricità; i tubi d’acqua montati sulle pareti fungono da impianti di riscaldamento mentre l’acqua viene irrorata dal pozzo; il sistema di ventilazione è automatico.  E i risultati sono tangibili, visto che a fine anno, si registra persino un surplus energetico  di circa 2.500 kWh, come rivela Mihai Toader-Pasti, responsabile del progetto.

L’AIUTO DELLA NATURA– Oltre ai rimedi illustrati, il segreto di Casa Efden è il legame con la natura: l’aria proviene direttamente dalla serra con piante di ogni tipo, situata all’interno stesso dell’edificio, in modo da garantire un buon livello di ossigeno, illuminazione e allo stesso tempo una temperatura congrua a seconda del clima stagionale; il lichene invece nei bagni aiuta a ridurre il tasso di umidità.

SISTEMI PER NON DISPERDERE ENERGIA-  Per non dissipare l’energia prodotta e limitare i consumi, sono al vaglio alcune soluzioni. Gli ingegneri vorrebbero realizzare un sistema che consenta di chiudere automaticamente le finestre lasciate aperte, vizio e distrazione comune a molti: dei sensori magnetici segnalano il problema, lanciando l’allarme tramite telefono. La struttura in metallo, invece, assolve ad un’altra funzione altrettanto importante, perché salvaguarda da terremoti, incendi e altre calamità simili.

ZERO IMPATTO AMBIENTALE E ALTRI VANTAGGI–  Gli sprechi e il tasso di inquinamento sono ridotti, mentre i vantaggi sono molteplici anche in vista degli investimenti futuri. A breve Efden diventerà un campus hub, una palestre di idee dedicata ai giovani studenti  e startupper, che potranno usufruire di connessione internet ed energia elettrica illimitata, grazie proprio al sistema a basso impatto ambientale. Il progetto piace ai cittadini, che ne vorrebbero emulare l’esempio e agli esperti del settore. Il segreto?  Secondo Daniel Butucel, uno dei padri di casa Efden, è merito del «desiderio collettivo di riuscire ed evolvere ad ogni passo, cambiando mentalità e abitudini, facendo spazio ad un nuovo modo di approcciarsi alla vita, limitando i consumi e rispettando la realtà circostante». Efden, la casa in vetro e metallo, sarà la prima formalmente riconosciuta in Europa, se come sembra riceverà la certificazione Living Building Challenge.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi