m

This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

Ecco a cosa devi pensare se hai deciso di ristrutturare la tua casa in modo sostenibile, per la qualità della tua vita e dell’ambiente.

Hai finalmente deciso di compiere il grande passo e di ristrutturare la tua casa? Vuoi andare oltre il semplice rinnovamento e vuoi cogliere l’occasione per migliorarne anche la sostenibilità e la qualità della tua vita?

Perfetto! È tutto collegato, quindi riorganizza le idee e procedi, è un’ottima occasione per cambiare anche il tuo stile di vita. La sostenibilità può diventare una filosofia di vita e coinvolgere tutte le fasi della ristrutturazione.

Ecco i 9 punti cardini di una ristrutturazione sostenibile.

  1. Materiali naturali ed ecologici

Considerando l’obiettivo primario che ti sei prefissato per la ristrutturazione della tua abitazione, le tue decisioni saranno rivolte al raggiungimento del miglior comfort abitativo possibile. Ciò sarà possibile solo utilizzando materiali naturali ed ecologici, perché in grado di garantire una riduzione del rischio di emissioni inquinanti nella tua casa che ti consentirà di vivere in un ambiente salubre.

Tutto ciò ha il nome di Life Cycle Assessment –LCA-  ed è una metodologia che esamina il ciclo di vita dei prodotti da costruzione; dall’estrazione allo smaltimento, passando per tutti i processi di lavorazione.

  1. Intonaci

Gli intonaci a base di calce, così come l’intonaco in terra cruda, sono l’ideale sia per gli interni che per gli esterni. Hanno un’elevata porosità che garantisce alla parete una permeabilità ottimale all’aria evitando così fenomeni poco piacevoli e salubri come la condensa o le macchie di muffa.

La terra cruda contribuisce anche all’isolamento termico ed acustico degli ambienti.

Anche in cucina ed in bagno puoi utilizzare intonaci naturali, traspiranti e antibatterici. Ad esempio il tadelakt e il cacciopesto sono materiali idrorepellenti che possono essere impiegati anche in prossimità di lavabi o per le pareti senza ricorrere all’utilizzo di piastrelle.

  1. Pavimentazione

Per la pavimentazione il materiale naturale che più si utilizza è il legno.

Se anche tu sei orientata per questa soluzione opta per il legno massello, lo potrai lamellare più volte e durerà di più. Utilizza finiture naturali come oli a base di lino o estratti di erbe per garantire la sua traspirabilità e procedi con una posa “a secco” per evitare l’uso di collanti nocivi. Fai bene attenzione che abbia il marchio FSC in garanzia della provenienza da foreste controllate.

Se diversamente sei orientato verso maioliche, gres o cotto dovrai ricorrere a collanti a base di resine naturali e calce.

Una valida alternativa, anche se più inusuale, è costituita dal linoleum composto da olio di lino, calce, resine naturali, farina di legno e di sughero, iuta e pigmenti. È estremamente durevole e resistente, e ha ottime caratteristiche dal punto di vista igienico.

  1. Energia

Un sinonimo di sostenibilità è il risparmio energetico che si ottiene con un buon isolamento termico prima, e un buon sistema di riscaldamento e/o raffrescamento dopo.

Se vivi in una zona molto fredda sarà necessario utilizzare negli ambienti esposti a nord infissi con tripli vetri o sistemi isolanti molto performanti.

Se invece vivi in una zona molto calda dovrai ricorrere a un buon sistema di ombreggiamento esterno per evitare che i raggi del sole arrivino a riscaldare le aperture e le mura esposte al sole e dovrai lasciare libere il più possibile le pareti a nord per consentire alla casa un minimo di fresco.

Elemento fondamentale da considerare, per rendere la tua abitazione più performante dal punto di vista energetico, è la quantità di tempo che trascorri in casa; questo ti aiuterà nella scelta del tipo di riscaldamento più adatto. Il classico sistema a radiatore può andar bene se non vi trascorri molto tempo, diversamente un impianto a pavimento potrebbe fare al caso tuo.

Importante è anche la ventilazione degli ambienti che rappresenta uno dei parametri fondamentali che ci permette di definire un ambiente confortevole. La ventilazione adeguata degli ambienti ci permette di combattere l’inquinamento indoor, evitando in questo modo la formazione di condensa sui muri e la conseguente comparsa di muffe.

La ventilazione dei locali è importante proprio perchè nella vita di tutti i giorni facciamo uso di sostanze di natura chimica sia per la pulizia della casa che dei mobili che con le loro esalazioni inquinano l’aria che respiriamo.

  1. Isolamento acustico

Non c’è niente di più fastidioso di una casa rumorosa che, a lungo andare, provoca una serie d’inconvenienti dannosi alla salute come insonnia, emicrania, perdita di concentrazione e tensione nervosa. Per difenderti, puoi intervenire su soffitti, pareti e pavimenti con materiali isolanti come i feltri di canapa o iuta o materassini di gomma interposti da uno strato d’aria.

  1. Risparmio idrico

In fase di ristrutturazione, rivolgiti ad un tecnico esperto, in grado di dimensionare le tubazioni in modo adeguato per evitare che siano troppo grosse e che facciano un percorso molto lungo. Questi sono i fattori che causano la dispersione del calore che significa dover tenere l’acqua aperta per molto tempo prima di farla arrivare a temperatura.

In fase di acquisto pensa a rubinetti dotati di miscelatori termostatici che consentono di mantenere costante la temperatura dell’acqua sanitaria del circuito di distribuzione, e a cassette WC a doppio scarico e consumo ridotto.

  1. Luce

Nella fase di progettazione della ristrutturazione devi studiare bene sia la luce naturale che quella artificiale. La quantità di luce naturale dipende dall’esposizione della casa, dall’ampiezza delle finestre, dalla vicinanza con gli altri edifici. Dopo aver ben chiara la situazione della tua casa, e delle tue abitudini e necessità potrai pensare alle soluzioni per migliorarne la luminosità ove necessario.

L’utilizzo di colori chiari e la realizzazione di superfici riflettenti possono essere due soluzioni semplici per aumentare notevolmente la quantità e la qualità della luce interna. Pannelli, vetri o condotti riflettenti sono invece capaci di catturare la luce e diffonderla nell’ambiente in caso di scarsità.

Per quanto riguarda la luce artificiale, le tue note, sono essenziali. Più sarà giusta la progettazione illuminotecnica, maggiore sarà il risparmio economico che avrai.

  1. Fibre naturali

I lavori sono ultimati. Ora non ti resta che occuparti degli elementi di arredo.

Gli elementi tessili ed i mobili vengono spesso realizzati utilizzando sostanze o eseguendo lavorazioni estremamente tossiche per cui è importante anche in questo caso che tu orienti le tue scelte verso la giusta qualità del prodotto.

Cerca di prediligere tessuti naturali: lana di pecora, seta, cotone, lino, canapa, cocco, juta, e così via. Anche il tipo di lavorazione è importante, non devono essere stati colorati con coloranti azoici, agenti di fissaggio o sistemi antimacchia chimici.

Se derivanti da polimeri organici di origine naturale puoi optare anche per i tessuti artificiali quali rayon, acetato, gomma o caucciù.

  1. Smaltimento dei rifiuti

Contatta i fornitori di zona e i cantieri di demolizione per verificare se ritirano vecchi cablaggi o elettrodomestici. Se hai intenzione di acquistarne di nuovi, ricorda che con il decreto “uno contro uno” lo smaltimenti di vecchie lavatrici, frigoriferi, o vecchi PC è a carico del negoziante. Dunque pretendine il ritiro gratuitamente.

E’ possibile poi trovare società che accettano lavandini o porte usate. Inoltre metti in conto un budget da destinare allo smaltimento, possibilmente fatto da società serie che rispettano tutte le normative vigenti.

Non devi fare tutto da sola, affidati ad un esperto che potrà consigliarti e guidarti.

Contattaci all’indirizzo mail  info@antoniodimaro.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi