m

This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

Si tratta oramai di una vera necessità, non solo per chi in famiglia ha un figlio che va a scuola, ma soprattutto per coloro i quali hanno il bisogno o la fortuna di poter lavorare anche da casa.

Stiamo parlando di un angolo in cui potersi concentrare senza distrazioni e dove poter organizzare fascicoli e documenti senza che nessuno possa metterli in disordine o smarrirli.

L’ideale sarebbe avere una stanza intera a uso ufficio, ma non tutti abbiamo un sufficiente numero di ambienti per potercelo permettere.

Se questo è il vostro caso dovrete accontentarvi di uno spazio più contenuto ma non per questo dovrà essere meno funzionale, composto da pochi, semplici ma comunque indispensabili elementi: una scrivania, una poltroncina, una libreria e una corretta illuminazione.

Per creare uno spazio per l’ufficio in casa sarà necessario valutare con attenzione l’organizzazione generale, e quindi lo stile e l’atmosfera in cui dovrà inserirsi. Lo spazio da dedicare al lavoro dovrà potersi integrare con il resto della casa, pur caratterizzandosi con precisione e personalità.

Il segreto per avere un ambiente comodo e produttivo è scegliere l’arredamento con saggezza e organizzazione.

Non disponendo di un ambiente libero da dedicare a studio dovrete recuperare lo spazio da altre camere. Così il nostro consiglio è quello di non scegliere delle scrivanie troppo ingombranti, magari nei toni scuri e di genere classico. Al contrario, vi suggeriamo di scegliere delle strutture piuttosto leggere, discrete e lineari, così da rendere l’area studio più armoniosa ed equilibrata possibile.

In proporzione allo spazio di cui disponete, la scrivania potrà essere più o meno grande, così come variabile sarà anche la profondità del piano di lavoro. Ad ogni modo è fondamentale che lo spazio a disposizione sia abbastanza grande da poter accogliere il computer e consentire l’utilizzo di eventuali libri e consentire la visione di documentazione cartacea.

È importante fare in modo che la scrivania riesca a caratterizzare con nitidezza lo spazio, donandogli con immediatezza il carattere di uno spazio unico e riservato, con una funzione ben precisa: quella di essere dedicata al lavoro.

Allo stesso tempo non può trattarsi di una scrivania anonima, ma deve saper integrarsi nella casa con personalità. Sarà importante quindi che rispecchi uno stile personale, linee e materiali unici senza essere invadenti.

Studio e lavoro impegnano gran parte della giornata, così è opportuno attrezzare l’angolo ufficio in modo che sia quanto più confortevole possibile.

Trascorrerete tante ore seduti a lavorare, dovrete quindi assicurarvi di trovare una sedia che abbia una seduta che rispetti e aiuti a trovare una postura corretta.

Una sedia ergonomica può essere la scelta migliore per garantire le condizioni ottimali per lavorare comodamente, sedendo in maniera corretta e sana per la schiena. Vi consigliamo, infatti, delle poltroncine avvolgenti, dotate di uno schienale alto, non troppo rigido, e dalla seduta ampia.

In commercio se ne trovano di tutti i generi e per tutti i gusti, originali e di design, divertenti e più seriose. Non abbiate paura di osare, e ricordate che oltre ad essere uno strumento di lavoro, la sedia è anche un elemento d’arredo e decorativo.

Un’altra variabile di fondamentale importanza è, senza alcun dubbio, la corretta illuminazione. La mancanza di luce, infatti, affatica moltissimo la vista, e di conseguenza pregiudica la concentrazione. L’illuminazione dell’ufficio in casa deve saper coniugare il massimo sfruttamento della luce naturale con quello specifico e mirato che deve poter arrivare sulle superfici della scrivania. Diversificare quindi i punti luce è una strategia intelligente per trovare un equilibrio tra luce diffusa e isole specifiche. Ne consegue che la lampada da scrivania deve essere considerata come un elemento imprescindibile nell’arredo di uno studio, magari affiancata da una seconda fonte di luce, meglio ancora se dalla luce naturale. Così come la sedia, anche la lampada è da considerarsi un oggetto d’arredo, e come tale deve possedere carattere e personalità.

Un ulteriore elemento di indiscussa utilità è la libreria, dove poter organizzare tutti i vari documenti e i libri. In risposta alle esigenze ed allo spazio a disposizione, la libreria può essere più o meno estesa, occupare un’intera parete o addirittura essere disposta in maniera perpendicolare a quest’ultima, in modo da fungere anche da elemento divisorio. Diversi sono anche le tipologie e gli stili, che vanno dal più semplice e lineare a quello più particolare e di design.

Per maggiori informazioni o per richiedere una consulenza professionale contattaci via mail all’indirizzo mail info@antoniodimaro.it

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi